Bio

Marcello Mandreucci - Profilo Artistico

E’ la "folgorazione" per le prime radio libere ad incrementare il confronto con il microfono di svariate emittenti locali, intervallato da frequenti viaggi negli Stati Uniti per interesse culturale e l’approfondimento dell'inglese. La conoscenza della lingua diventerà utile nel procurarsi la sua prima importante intervista ad una leggenda del jazz come Charlie Mingus  per l’emittente per cui collabora in quel periodo. Sono quegli stessi anni 70’ protagonisti del pionierismo radio-televisivo.

L’esperienza acquisita promuove un intenso rapporto di collaborazione con la sede RAI di Palermo in qualità di speaker ed autore di programmi che si protrae per diversi anni, alternata alla presentazione di eventi e manifestazioni culturali, della moda e dello spettacolo,  incluse tre edizioni del premio Cultura e Tv del "Festival di Scopello" riprese e trasmesse dalla Rai.  E’ la stagione dei grandi appuntamenti con la musica collocata nei grandi spazi all’aperto. In occasione della rassegna "Music Stage" negli anni 80’ conduce tutte le serate della rassegna nello stadio della Favorita introducendo i concerti di Paco De Lucia, John Mc Laughlin, Pat Metheny, Pino Daniele, Gilberto Gil e Joe Cocker, mentre per una nota agenzia di spettacoli palermitana segue i tour siciliani di Zucchero Fornaciari e Luca Carboni e Lucio Dalla. Cresce al contempo la passione per la chitarra acustica ed il canto concentrando il proprio interesse, come story-teller soprattutto verso il genere folk e la scena west-coast americana partecipando con la sua prima formazione elettrica alla trasmissione pomeridiana di Rai Due “TANDEM” condotta da un giovanissimo Fabrizio Frizzi.  Ma è il mix tra musica e ironia l’intuizione che trasforma i "RIVISITORS" nella band più seguita dai nottambuli palermitani con la quale cementa il sodalizio col chitarrista Rosario Vella con cui attualmente porta in giro lo spettacolo "Le canzoni raccontano" (ovvero incursione musicale comico involontaria sulla generazione degli anni 70’) in duo acustico. In coppia sono protagonisti di una incursione nella popolare trasmissione di RaiUno "I  RACCOMANDATI" in compagnia di un amico-vip premiati con una performance tributo alla colonna sonora del film “Il Laureato”.

Contestualmente si intensifica l'attività concertistica  nei club dell'isola, in territorio nazionale e negli USA dove è chiamato, una prima volta per la conduzione di un importante evento della moda organizzato dalla comunità italo - americana del New Jersey e l’anno successivo per uno spettacolo contenitore (made in Italy) con la partecipazione della cantante Iva Zanicchi e di altri artisti nazionali al Sand’s Casino di Atlantic City.

E’ l’incremento di  nuove opportunità per l’ampliamento del proprio bagaglio professionale. Negli anni 90’ conduce  "Karakiri" una sorta di ironico contro- karaoke regionale per le telecamere di un network e cura per il Comune di Palermo la realizzazione di un rotocalco televisivo "Palermo ci ascolta" e di un video magazine intitolato "Cultura & Società" in onda su diverse emittenti regionali.

Come critico musicale e degli spettacoli scrive assiduamente per diversi periodici dell'isola e per i quotidiani "Il Mediterraneo" ed "Oggi Sicilia" 

Per il teatro recita, canta e suona con l'attore Paride Benassai nell'ambientazione del suggestivo ponte di Villa Trabia per il cartellone di "Palermo di Scena 2001" con “Giorno dopo giorno”. Con il medesimo collega è successivamente impegnato in una piece intitolata "Comica orazione da bagno" al Teatro di S. Cecilia ed al Teatro della Posta Vecchia di Agrigento ed ancora in "Sogno di una notte di Palermo" (teatro-canzone), per il quale collabora alla composizione delle musiche.

E ancora, nel Festival dedicato dal Comune di Palermo a Salvo Licata né: "Il trionfo di Rosalia" per la regia di Luigi Maria Burruano e "Ohi Bambulè" nell’appena restaurato “Teatro Bellini”

Il suo primo album da autore, in lingua inglese "Barber Shop" definito dalle riviste specializzate una ispirata alchimia tra l’analogico e il digitale è stato pubblicato nel 2007 dalla etichetta milanese Egomusic  e commercializzato in tutto il territorio nazionale e su "i-tunes music store".

Nello stesso anno  presenta nell’Auditorium della RAI di Palermo un progetto musicale inedito con ambientazione cameristica con la Piccolissima Orchestra da Camera con Vista,  da lui formata che è stato selezionato dall’AAPIT di Palermo per la compilation "Musikelia", presente al WOMEX di Siviglia (appuntamento internazionale per la musica del settore).

Tra gli impegni più importanti in quel periodo, la conduzione di "Agorà Contemporanea" (evento di apertura di Provincia in Festa con Goran Bregovic, Carmen Consoli, Avion Travel, Moni Ovadia). Tra gli eventi e le manifestazioni di rilievo cui ha partecipato nel 2011 “Una notte in Sicilia” nella suggestiva cornice di Palazzo Reale a Palermo, “Scruscio” l’appuntamento dedicato agli artisti siciliani protagonisti dello spettacolo, organizzato dal conduttore Massimo Minutella ed ancora il “Termini Folk Festival” ospite della rassegna del cantautore Mario Incudine. Nei mesi di ottobre e dicembre 2011 è stato negli USA, testimonial del Comune di Carini per il Columbus Day esibendosi anche  per i nostri conterranei residenti a Brooklyn e successivamente ospite di un progetto dell’Anfe Sicilia a New York e nel New Jersey nell’ottica della divulgazione della cultura e dell’identità siciliana all’estero insieme all’attore Paride Benassai con cui continua un intenso rapporto di collaborazione che porta alla realizzazione di Sale e pepe (una divertente  alchimia di teatro-cucina che nel 2012 va in tour nelle più belle cantine siciliane.

Attualmente sta lavorando al suo progetto discografico “Viva a musica” . Una delle composizioni “Siciliani” è stata definita “un elogio alla musicalità della nostra lingua popolare che scandaglia sentimenti che sottolineano una Sicilia non di maniera, ancorata alla propria identità ed esempio universale di accoglienza e tolleranza.  

EVENTI & NEWS IN RILIEVO